Grazie di tutto

Campione di eleganza. Poche parole mai banali. E poi, quelle traiettorie magiche, quei lampi di genio che hanno acceso le luci di centinaia di stadi.

Grazie Andrea, patrimonio azzurro del nostro sport.