CALCIATORE DEL MESE AIC MAGGIO '21 – SERIE A

Franck Kessie

Per il Milan è stato un maggio incredibilmente lungo e complicato, nonostante abbia vinto quattro delle cinque partite giocate e segnato 14 gol senza subirne alcuno. Il pareggio sciagurato con il Cagliari alla penultima giornata di campionato ha messo clamorosamente in bilico un percorso che aveva visto il Milan non uscire praticamente mai dalle prime quattro posizioni per tutta la stagione, con l’incubo di rimanere escluso all’ultima giornata dalla qualificazione alla prossima Champions League senza una difficilissima vittoria a Bergamo. Non era facile mantenere i nervi saldi sotto il peso di questa pressione, alla fine di una stagione estenuante, e se la squadra di Pioli alla fine ce l’ha fatta lo deve soprattutto a un uomo: Franck Kessié. Non solo perché ha segnato la doppietta contro l’Atalanta che ha letteralmente portato i rossoneri al secondo posto, ma soprattutto perché la sua solidità, il suo senso di controllo in mezzo al campo sono state lo scoglio a cui il Milan si è aggrappato per non venire spazzato via dalle difficoltà. Una metafora che si è fatta immagine tangibile proprio nella partita contro la squadra di Gasperini, quando Kessié all’89esimo ha difeso palla con il corpo sulla linea di fondo, mentre tre giocatori dell’Atalanta insieme non riuscivano a muoverlo nemmeno di un centimetro.

 

LEGGI l'approfondimento su Ultimo Uomo 

07.06.21