Raising Our Game Europe 2025

12 associazioni di categoria insieme per promuovere pari opportunità

Raising Our Game Europe 2025, noto anche come ROGE25, è un'iniziativa progettata per migliorare gli standard e le condizioni nel calcio femminile nazionale.

Finanziato congiuntamente dal Programma Erasmus+ dell'Unione Europea, ROGE25 sta dotando 12 associazioni di giocatori di risorse per promuovere pari opportunità, accesso e inclusione per le giocatrici di calcio nei campionati europei.

Workshop online per lo sviluppo delle capacità hanno aiutato i sindacati dei giocatori a plasmare la strategia del toolkit di ROGE25 che assisterà nell'elevare la professionalizzazione del calcio femminile

 

Le associazioni europee dei giocatori si sono riunite in alcuni workshop online per lo sviluppo delle capacità al fine di fornire feedback personalizzati sul recente quadro di Raising Our Game Europe 2025 (ROGE25) in vista dei workshop dei giocatori che si terranno più avanti quest'anno. Finanziato congiuntamente dal Programma Erasmus+ dell'Unione Europea e realizzato in collaborazione con l'Università di Bordeaux, ROGE25 è progettato per sviluppare strumenti e risorse con l'obiettivo di rafforzare i sindacati dei giocatori promuovendo pari opportunità, accesso e inclusione per le giocatrici di calcio. FIFPRO Europe sta portando avanti il progetto con sette sindacati partner (Cipro, Danimarca, Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia) e cinque sindacati affiliati (Inghilterra, Grecia, Scozia, Spagna, Svezia).

I workshop per lo sviluppo delle capacità, che sono seguiti alla presentazione del primo rapporto di analisi del cluster del progetto alle associazioni partecipanti nel novembre 2023, hanno esplorato le principali barriere nelle condizioni di lavoro e condiviso strategie per elevare la professionalizzazione del calcio femminile nei paesi partecipanti. "Con il progetto ROGE25 il nostro principale obiettivo è quello di aumentare le capacità dei sindacati partecipanti in Europa per sostenere meglio le calciatrici e contribuire allo sviluppo di standard globali per le condizioni dei giocatori", ha detto Caitlin Fisher, ricercatrice senior del progetto. "Ciò implica avere una conversazione su cosa rappresenti veramente la professionalizzazione, come valutiamo il progresso nei percorsi professionali e cosa prioritizzare per realizzare la visione di un calcio femminile veramente professionale in Europa".

Il rapporto iniziale del cluster del progetto, che ha illustrato gli standard e le condizioni in 12 dimensioni conosciute come le Wheel of Conditions, è stato successivamente adattato a 11 punti chiave sulla base dei contributi dei sindacati partecipanti:

  • Organizzazione e Rappresentanza Collettiva
  • Contratti Standard
  • Salute del Giocatore
  • Luoghi di Lavoro Sicuri
  • Ambienti di Allenamento e Partita
  • Salari e Compensazioni
  • Stabilità Occupazionale e Promozione
  • Educazione e Sviluppo del Giocatore
  • Protezione dei Dati del Giocatore e Diritti d'Immagine
  • Protezione Sociale
  • Accesso alle cure 

"Queste 11 dimensioni sono le fondamenta degli standard minimi e contribuiranno a sostenere la professionalizzazione del calcio femminile", ha dichiarato Nicolas Delorme, professore associato di sociologia dello sport presso l'Università di Bordeaux, che ha lavorato insieme a Fisher al progetto. "Dopo aver ricevuto feedback dalle associazioni dei giocatori, ci impegniamo a coinvolgere direttamente i giocatori per plasmare ulteriormente il quadro, il che a sua volta ci aiuterà a fornire soluzioni personalizzate per migliorare le condizioni delle calciatrici nei paesi partecipanti." I workshop dei giocatori di ROGE25 sono programmati per svolgersi da aprile a agosto 2024. Un evento a pannello sarà anche ospitato a Bilbao, in Spagna, prima della finale della UEFA Women's Champions League, sabato 25 maggio 2024, nell'ambito del Summit sul Calcio Femminile di FIFPRO.

12.04.24