"A tu per tu con..."

Cecilia Salvai

Cecilia complimenti! Sei entrata a far parte della neo fondata Juventus, come ti trovi nel nuovo club? Con che spirito affronti questa nuova avventura?

"Sul club posso solo che spendere ottime parole. Sin dal primo giorno ho avuto sensazioni positive dentro di me e l'entusiasmo e la voglia di fare bene sono molto alti. Il nome che portiamo addosso ha un peso non indifferente e questo ci deve responsabilizzare molto. È giusto che sia così. Le idee sono state chiare fin dall' inizio sia da parte dello staff tecnico che della dirigenza e le condivido in pieno. Mi sento molto fortunata ad essere qui, penso sempre che tantissime giocatrici vorrebbero essere al mio posto."

⚽ Hai esordito nel 2008 e la tua carriera ha preso subito il volo, con ottimi risultati. Cosa pensi serva al giorno d'oggi per essere una brava atleta?

"Non credo ci siano segreti per diventare un'atleta. Ci vuole sicuramente passione e costanza in quello che si fa. La voglia di lavorare è sicuramente un altro fattore importante, come quello di non sentirsi mai arrivate anche se raggiungi qualcosa di grande. Io ho esordito a 16 anni in serie A e a 19 con la Nazionale maggiore, ma ogni anno è un nuovo punto di partenza. Cosi come ogni allenamento è un tassello in più."

Noi abbiamo la percezione che le cose stiano cambiando a livello di calcio femminile rispetto a qualche anno fa. Cosa ne pensi?

"Sicuramente è cambiato perché basta leggere il calendario del campionato che inizierà il 30 settembre per vedere nomi che fino a qualche anno fa nessuno si aspettava. Le società stanno crescendo e questo può solo che far crescere poi tutto il movimento. La mentalità è uno degli aspetti fondamentali ma credo che sia stata presa la strada giusta."

Come trascorri il tuo tempo libero? Che cosa ti piace fare?

"Il mio tempo libero dipende sempre dagli impegni del club ovviamente. Nei momenti di riposo comunque mi dedico allo studio soprattutto quando si avvicinano le sessioni d'esame all' università (Economia e Commercio) o li passo semplicemente in compagnia delle persone a me più care. Ora che sono "ritornata alla base" è anche più facile stare insieme alla mia famiglia. "