Approvato emendamento su pensionamento sportivi professionisti

Maggiori garanzie e tutele a chi fa dello Sport il proprio lavoro

È stato approvato nella legge di Bilancio per il 2018 un emendamento fortemente voluto dal Ministro per lo Sport Luca Lotti, a prima firma on. Daniela Sbrollini, che in ragione della specificità della carriera degli sportivi professionisti ne anticipa di tre anni l’età di pensionamento (per gli sportivi che hanno versato il primo contributo dal 1° gennaio 1996). È un provvedimento molto importante per tutti quegli sportivi che lontano dai riflettori hanno dedicato la loro vita professionale all’agonismo pur percependo retribuzioni ordinarie. E soprattutto si tratta di una misura a costo zero per le casse dello Stato perché interamente finanziata dagli sportivi stessi con un piccolo contributo di solidarietà.

Noi come Associazione Italiana Calciatori aspettavamo da tempo questo intervento da parte del Governo, che dà così una prima risposta concreta alle tematiche del post carriera di quegli atleti di cui spesso, spente le luci dell’attività agonistica, ci si dimentica. Ringraziamo per questo il Ministro per lo Sport Luca Lotti che ha dimostrato una sensibilità non comune sul tema, l’on. Daniela Sbrollini e tutti i parlamentari che si sono impegnati per il raggiungimento di questo risultato: nel corso di questi anni abbiamo costruito un percorso comune con l’intento di dare maggiori garanzie e tutele a chi, nel nostro Paese, fa dello Sport il proprio lavoro.

“Quando si parla di professionismo sportivo” – ha dichiarato Damiano Tommasi – “si pensa sempre alla ristretta cerchia di atleti che vive l'apice della grande industria dello sport. Provvedimenti come questo riconoscono, invece, la particolare difficoltà di una moltitudine di ragazzi che nel percorrere carriere sportive, spesso discontinue, sono costretti a rinunce nell’ambito formativo che una volta spenti i riflettori si ripercuotono sulla vita di tutti i giorni. Ancora una volta mi piace sottolineare l’importanza di avere un Ministro dello sport, che ringrazio nuovamente, che riserva attenzione ed impegno ad una delle più importanti industrie del Paese”.