Femminile

Femminile

Il Dipartimento Calcio Femminile opera all’interno del Dipartimento Dilettanti dell'Associazione Italiana Calciatori informando, assistendo e tutelando le giocatrici di tutte le categorie.

Il Dipartimento svolge un'importante opera di relazione e di confronto con la FIGC, la Lega Nazionale Dilettanti, il Dipartimento Calcio Femminile  e altre istituzioni nella gestione della normativa e dei rapporti politici necessari per il funzionamento del sistema.

Inoltre, attraverso l’ufficio legale del Dipartimento Dilettanti, il Dipartimento assiste le calciatrici nelle vertenze contro le società oltre che nello svolgimento delle pratiche assicurative e su ogni questione legale.

Il Calcio Femminile ha un proprio rappresentante nel Consiglio Direttivo dell'AIC e ha suoi rappresentanti nella Commissione Federale di Sviluppo e Promozione dell'attività femminile.

La presenza del calcio femminile all'interno dell'AIC, consentito grazie al Decreto Melandri, ha rappresentato una crescita importante per la figura della calciatrice. Nel corso degli anni, a livello sindacale sono state raggiunte conquiste importanti:

L'assegno di liquidazione infortunio intestato direttamente alla calciatrice;.L'abolizione graduale del vincolo  a 25 anni;.L'introduzione e la tutela dei rapporti economici, in base alla quale le società che non saldano le delibere della CAE riceveranno delle penalizzazioni a stagione in corso, o non verranno ammesse al campionato di competenza se la situazione di morosità persisterà oltre il 30 maggio di ciascuna stagione sportiva;

Lo svincolo concordato di dicembre;

La ripartizione dell'infortunio in nazionale al 50% tra giocatrice e club;

La presenza a bordo campo dell'ambulanza durante le partite;

Il gettone di presenza per le partite disputate con la maglia azzurra;

Queste sono esclusivamente le conquiste più significative dell'attività del Dipartimento.